Neonati e coliche: sintomi, cause e rimedi

Pubblicato il 04/10/2018

coliche nei neonati

Le colichette nei neonati

Almeno un neonato su cinque è affetto da coliche: il campanello d'allarme più significativo è sicuramente il pianto inconsolabile e continuo che affligge i piccoli durante questo disturbo. Un pianto che si verifica in bambini apparentemente sani, a cadenza più o meno regolare e soprattutto durante le ore serali. Le coliche possono durare diverse settimane consecutive ed in genere durano più di tre ore al giorno, tre giorni alla settimana e per almeno tre settimane consecutive. Si tratta di un disturbo che causa forte stress tanto nei genitori quanto nei neonati, provocando anche stati di ansia e depressione, soprattutto nel caso del primo figlio. È bene sapere che di norma tendono ad esaurirsi senza alcuna conseguenza permanente sul piccolo.

Quali sono le cause?

Ad oggi l'origine esatta delle colichette nei neonati non è ben conosciuta, per questo si sono avanzate diverse ipotesi: possibile presenza di gas intestinale, intolleranza verso il latte vaccino, un'eccessiva peristalsi intestinale o eventuali complicazioni durante il parto che possono causare uno stress maggiore, che si riflette in un pianto maggiore. Non sussistono delle differenze sostanziali tra maschio e femmina, tra bimbi allattati al seno e quelli allattati con formula o tra primo e secondogenito. La dieta della mamma durante la fase di allattamento sembra non incidere sulla presenza o meno di coliche, figli di madri fumatrici durante o dopo la gravidanza corrono sicuramente rischi maggiori di soffrire di tale disturbo.

Coliche e sintomi

Il disturbo si presenta sotto forma di pianto continuo (per più di 3 ore al giorno 3 giorni a settimana per almeno 3 settimane) in bambini tra le due settimane ed i quattro mesi. Altri sintomi: intensi attacchi di pianto inconsolabile nel tardo pomeriggio o in serata, viso arrossato, tendenza a serrare i pugni, avvicinare le ginocchia alla pancia ed incurvare la schiena. Si consiglia di consultare il pediatra al primo episodio di coliche, così da escludere altri possibili disturbi. È molto importante segnalare i casi in cui il bambino smetta di alimentarsi o non riesca ad aumentare la propria massa corporea.
È fondamentale ricorrere all'aiuto di uno specialista con urgenza nel caso in cui la muscolatura appaia non tonica, vi sia vomito con la presenza di liquido verde oppure sangue nelle feci, febbre alta, convulsioni, problemi di respirazione e gonfiore in corrispondenza della fontanella nel cranio.

Scopri tutti i rimedi contro le colichette dei neonati nell'articolo di Farmaco e Cura.

Visita il nostro sito e verifica il tuo stato di salute e quello dei tuoi cari.

TAGS:#PRIMAfood #coliche #neonati #pianto #genitori #bambini #stress #disturbo #sintomi #pediatra #salute